Come usare le storie sui social per promuovere la tua attività di Psicologo

Nov 7, 2018 | strategie

Buongiorno dottoresse e dottori,

come anticipato nell’ultimo video su come si racconta una storia (che se non hai visto ti consiglio di andare a vedere immantinente), oggi parliamo di come usare le storie sui social. Quelle che pubblichiamo tutti i giorni sui social.

…per chi le pubblica.

Come usare le storie sui social??

Sostanzialmente non c’è un modo univoco, che va bene per tutti.

…Tanto per cambiare.

Però è sicuramente utile tenere a mente tutto ciò che abbiamo detto fin’ora.

Vado subito al sodo.

Tanto per cominciare, chiamandosi storie sarebbe lecito aspettarsi delle storie, e non delle foto di panorami o delle citazioni messe lì tanto per pubblicare qualcosa.

Che non vuol dire che sia vietato pubblicare panorami citazioni eccetera, ma che se lo vuoi fare dovrebbero essere inseriti nel contesto di una storia.

Eh, sono storie.

E come si racconta una storia?

Raccontare una storia implica fare una cosa che tutti gli psicologi, o almeno spero, dovrebbero essere in grando di fare.

Parlare.

E potreste non crederci ma è incredibile quante cose si possono fare con la propria voce!

Potete esprimere dei concetti, potete mostrare sfumature di voi non percettibili dalle citazioni e neanche dai panorami, e potete anche giocare con le vostre emozioni.

Tutto questo può avere l’altrettanto incredibile risultato di creare una maggior empatia con i vostri follower, e quindi aumentare il rapporto di fiducia che come ho detto nei video precedenti è indispensabile se volete che qualcuno vi contatti.

Ma per i più restii, o meglio, per le più restie, non perché i maschi siano più fighi ma perché come ho detto qualche video fa questa è praticamente una classe di sole donne (uando si dice beato tra le donne)…

…Dicevo, per le più restie all’emissione di suoni vocali ci sono anche altri modi di fare una storia.

Anche se non parlate potete fare dei video

Un video può raccontare molte più cose di una foto.

Potete anche fare dei video con diversi cambi scena all’interno dei 15 secondi concessi da instagram per ogni storia.

Farlo è molto semplice e non serve nessun programma di editing.

Io faccio così: registro la scena che voglio, della durata di pochi secondi, a volte anche solo un secondo, poi non schiaccio stop ma schiaccio pausa.

Dopodiché, quando sto facendo la cosa successiva che voglio riprendere, rischiaccio pausa, che in alcuni telefoni diventa il tasto registra, e lui riprende a registrare fino a che non rischiaccio pausa. E così via.

Poi quando arrivo a 13 o 14 secondi schiaccio stop, lui lo salva e poi lo pubblico su instagram.

Il risultato lo potete vedere nelle mie storie su instagram perché è una tecnica che ultimamente mi diverto molto a usare e permette di raccontare molto di più nei 15 secondi.

Questo è un modo.

Ma potete fare anche video normali, va benissimo.

Ma potete fare anche solo foto

Purché ci siano tante storie e ogni foto deve essere collegata a quella dopo e quella prima.

Dovrebbe sempre esserci quel senso di: e ora che succede?

L’ideale sarebbe poi usare tutte queste strategie e combinarle insieme.

Il mio suggerimento è: provate.

Vi accorgerete quando il numero di visualizzazioni nelle storie aumenterà e soprattutto quando le persone inizieranno a interagire con voi.

Allora vorrà dire che starete facendo un buon lavoro, cosa che tra l’altro che qualche psicologo già fa con mille mila storie piacevoli e interessanti.

Ecco, altra cosa, non è per forza necessario pubblicarne 300 al giorno. Direi che da 2-3 a una ventina va benissimo.

Insomma, tenendo a mente tutto ciò che ho appena detto, potete fare un po’ quello che vi pare. 😂

Un saluto e buon lavoro!

Ti è piaciuto l’articolo?
Hai altri suggerimenti o riflessioni che vorresti dare ai tuoi colleghi che leggeranno questo articolo?
Scrivimi usando il modulo qui sotto 👇

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usa parole comprensibili dai tuoi clienti: non parlare psicologhese

Oggi voglio spiegarti in che modo usare parole comprensibili dai tuoi clienti può aiutarti ad aumentare le revenue e diminuire il costo per lead, e come si può usare un member magnet per creare una community attiva. Come? Non hai capito niente? Molto probabilmente è...

A cosa servono i bot su instagram?

Buongiorno dottoresse e dottori, nell'ultimo video ho parlato di hashtag oggi vediamo a cosa servono bot. Sì perché infatti sono tantissime le persone che oggi li usano e sicuramente ti sarà capitato almeno qualche follower che ti avrà commentato con faccine senza...

Marketing per psicologi: la strategia dalla A alla Z

Stai cercando una efficace strategia di marketing per psicologi perché non sai da dove cominciare a promuoverti? Oppure perché hai provato l'ennesimo corso dell'ennesimo imprenditore/business/life coach/entrepreneur/healthfitlifestyle tizio che ti vende il metodo...

Capire a chi scrivi – Marketing etico per Psicologi

Dopo aver parlato un po' di SEO per il blog nei precedenti video ora cerchiamo di capire a chi scrivi. Eh sì, iniziamo a parlare di copywriting. Cos'è sta parolaccia?? Il copywriting sarebbe l'arte di scrivere per vendere, ed è una cosa che tra l'altro va a braccetto...

Codice deontologico VS marketing parte 4

Buongiorno dottoresse e dottori, quarto video di confronto tra il codice deontologico degli psicologi e le tecniche di marketing, per sapere se e quali possono essere usate, pronti via!   Articolo 15 "Nel caso di collaborazione con altre persone tenute al segreto...

Cosa vuol dire fare marketing?

Sai cosa vuol dire fare marketing? Certo che sai cos'è, non ho dubbi. Il marketing è uno strumento. Uno strumento composto da determinate strategie che ti permettono di vendere di più. E fin qui siamo d'accordo. Facile facile. Ma manca qualcosa. Anzi, la definizione...

Psicologi e colleganza sul blog per farsi trovare su Google

Oggi torniamo a parlare di colleganza, e blog. Parleremo infatti di link building, che ha una certa utilità per la SEO, ovvero per trovare il proprio sito ben posizionato sui motori di ricerca. In pratica Google assegna un punteggio di autorevolezza e fiducia ad ogni...

Che cos’è un funnel

Se ancora ti stai chiedendo cos'è un funnel, dottoressa sei nel posto giusto. In questo articolo non andrò troppo in profondita ma mi limiterò a spiegarti cos'è un funnel e come si può utilizzare in una strategia di marketing per psicologi partendo da un funnel a 3...

Codice deontologico VS marketing parte 3

Buongiorno dottoresse e dottori, eccoci al codice deontologico VS marketing parte 3. Oggi andiamo avanti un po' di più, visto che ci sono 3 articoli che approfondiscono lo stesso argomento, e sono il numero 11, 12 e 13.   Cominciamo subito con l'articolo 9 "Lo...

Seo per psicologi: strumenti per trovare e analizzare parole chiave

Oggi vediamo qualche strumento che puoi utilizzare per trovare e analizzare parole chiave per il tuo blog. Infatti nell'ultimo video ho introdotto l'argomento SEO (che sta per search engine optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca) parlando di...

Richiedi una consulenza gratuita

Compila il modulo inserendo i tuoi dati e spiegando brevemente la tua richiesta.

Rispondo entro 24 ore

Contattami

Accettazione Privacy