SEO per psicologi: Come usare le parole chiave

Dic 7, 2018 | How to blog

Buongiorno dottoresse e dottori,

riprendo e concludo, almeno per ora, il discorso sull’ottimizzazione per i motori di ricerca, questa volta cercando di capire come usare le parole chiave nei vostri testi.

Parto subito col dire che per questo scopo, cioè per farsi trovare sui motori di ricerca e magari scalare qualche posizione, il formato video non è riconosciuto.

Google, almeno per ora, non sa identificare e usare le parole vocali ma solo quelle scritte.

A tal proposito potete o pubblicare articoli scritti, oppure pubblicare video e riportare sotto il testo scritto del video.

Vi ricordo che sto parlando di blog, nei social non serve.

Detto ciò, quando si scrivono articoli senza tenere conto della SEO in genere si perdono ottime opportunità semplicemente per essere “più belli da leggere.”

Ad esempio se la parola chiave del tuo testo è training autogeno, ok, qualche volta puoi anche abbreviarlo in TA, ma se puoi, senza essere troppo ripetitivi, usa training autogeno.

Molto probabilmente conoscerete il sito di Salvatore Aranzulla. Lui è uno che lavora molto di SEO e si vede.

Come usare le parole chiave: il caso di Aranzulla

Ad esempio supponiamo che io abbia una scheda sim e voglia sapere se è ancora attiva.

Vado su google e scrivo “come vedere se una sim è ancora attiva.”

Mi compare Aranzulla con l’articolo intitolato “come vedere se la sim è ancora attiva”.

Nell’articolo inolte queste esatte parole sono riportate più volte ma senza esagerare.

All’inizio nel paragrafo dice “intendo spiegarti le tecniche per vedere se la sim è ancora attiva”

Poi uno dei sottotitoli è capire se una sim è ancora attiva, il che mi fa pensare che la parola chiave usata sia “se una sim è ancora attiva”.

Poi ancora sotto, e poi ancora.

Nell’articolo però ci sta, non ha esagerato con le ripetizioni, anche se forse un pignolo prof di italiano avrebbe storto un po’ il naso.

Questo è lo schema:

Parola chiave nel titolo (meglio se all’inizio del titolo), nel primo paragrafo dell’articolo, in almeno un sottotitolo, una verso la fine, e a seconda della lunghezza del testo qualche volta qua e là.

Usate anche il grassetto. Non è messo lì a caso.

Il grassetto dice ai motori di ricerca che quelle parole sono importanti, oltre ad avere un fine estetico perché crea diversità nel testo ma questo lo vedremo nei prossimi video in cui parleremo di copywriting.

Per ora vi lascio, un saluto e buon grassetto a tutti!

Ti è piaciuto l’articolo?
Hai altri suggerimenti o riflessioni che vorresti dare ai tuoi colleghi che leggeranno questo articolo?
Scrivimi usando il modulo qui sotto 👇

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice deontologico VS marketing parte 10

Buongiorno dottoresse e dottori, questo è "Codice deontologico VS marketing parte 10", decimo video della rubrica che analizza il codice deontologico degli psicologi per vedere se limita in qualche modo la possibilità di promuoversi. Riprendiamo quindi dall'articolo...

Intervista con lo psicologo: Antonietta Caputo

Buongiorno dottoresse e dottori! Oggi intervista con la psicologa Antonietta Caputo che ci parla della sua mission: Salvare gli studenti universitari dai vendimetodo! E lo fa in veste di #psicologoumano, raccontandoci il suo percorso di crescita nel mondo on-line....

Codice deontologico VS marketing parte 6

Buongiorno dottoresse e dottori! Partiamo subito con l'articolo 20: "Nella sua attività di docenza e formazione lo psicologo stimola negli studenti l'interesse per i principi deontologici, ispirando ad essi la propria condotta professionale." In questo caso parliamo...

Codice deontologico VS marketing parte 5

Buongiorno dottoresse e dottori, eccoci al codice deontologico VS marketing parte 5.   Articolo 17 "La segretezza delle comunicazioni deve essere protetta anche attraverso la custodia e il controllo degli appunti, note, scritti o registrazioni di qualsiasi tipo,...

Codice deontologico VS marketing parte 8

Buongiorno dottoresse e dottori, siamo all'ottavo video di analisi del codice deontologico per vedere se limita in qualche modo la possibilità di promuoversi degli psicologi. Riprendiamo dall'articolo 25, che dice: "Lo psicologo non usa impropriamente strumenti di...

Gli psicologi devono fare video per promuoversi?

Buongiorno dottoresse e dottori, Oggi parliamo di un argomento molto importante che la maggior parte degli psicologi ancora non fa. Ovvero: Anche gli psicologi devono fare video? O come minimo minimo usare la faccia più spesso di quanto non facciano ora riempiendo le...

Codice deontologico VS marketing parte 4

Buongiorno dottoresse e dottori, quarto video di confronto tra il codice deontologico degli psicologi e le tecniche di marketing, per sapere se e quali possono essere usate, pronti via!   Articolo 15 "Nel caso di collaborazione con altre persone tenute al segreto...

I 4 Errori che Bloccano la Crescita della Tua Attività

In queso articolo ho deciso di farti un regalo che spero apprezzerai, un regalo che costa tutt'oggi molto caro ai liberi professionisti che chiudono ogni giorno: 4 errori che bloccano la crescita della tua attività. Vuoi sapere perché? Perchè sono stufo di vedere...

Codice deontologico VS marketing parte 7

Andiamo avanti con la rubrica codice deontologico VS marketing parte 7, questa volta analizzando gli articoli del capo 2 del codice deontologico per vedere se limitano in qualche modo la possibilità di promuoversi degli psicologi. Iniziamo quindi con l'articolo 22,...

Codice deontologico VS marketing parte 2

Buongiorno dottoresse e dottori, eccoci al codice deontologico VS marketing parte 2, per sapere se e quali tecniche di marketing possono essere usate per la vostra attività di psicologi. L'altra volta abbiamo visto gli articoli 3-4-5, perché abbiamo detto che i primi...

Richiedi una consulenza gratuita

Compila il modulo inserendo i tuoi dati e spiegando brevemente la tua richiesta.

Rispondo entro 24 ore

Contattami

Accettazione Privacy